ANCI-UPI: “Bonus baby sitter anche a polizia locale”

“Auspichiamo che il bonus baby sitter, con i prossimi scostamenti finanziari, possa diventare un provvedimento universale, ma deve essere immediatamente riconosciuto anche agli agenti di polizia locale, che da mesi sono impegnati in prima linea nei controlli sull’applicazione delle restrizioni anti Covid, chiamati dalle prefetture ad affiancare le forze dell’ordine e di polizia a competenza generale. Siamo certi che il non averli espressamente considerati nel decreto legge varato dal Governo tra il personale delle forze di sicurezza cui spettano le misure di sostegno alla genitorialità, sia una svista sulla cui rapida correzione si troverà pieno consenso del governo, a partire dal presidente Draghi”.
Lo dichiarano il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, e il Presidente di Upi, Michele de Pascale. “È evidente che, considerato che la misura ha lo scopo di sostenere i lavoratori impegnati in attività indifferibili legate all’emergenza sanitaria, i corpi di polizia locale sono ricompresi a pieno titolo in questa categoria – proseguono Decaro e de Pascale -. Occorre correggere questa dimenticanza, insieme ad altre riguardanti le professioni sanitarie, nel decreto Sostegno, come giustamente richiesto dalle organizzazioni sindacali di categoria”.

 

Autore: La redazione PERK SOLUTION

Regione Emilia-Romagna, Presentazione domande di concessione di contributi per la qualificazione e l’innovazione delle polizie locali entro il 29 maggio

La Giunta regionale ha approvato in data 27 aprile 2020 la DGR n. 403/2020 con la quale si sono determinati i criteri e le modalità per la concessione dei contributi previsti all’art. 15, comma 2 lett. b) e c) della L.R. 24/2003, per l’anno 2020. Il bando è organizzato in 2 sezioni A e B:
Con la sezione A sono previsti finanziamenti per la qualificazione dei corpi di polizia locale e dei servizi di polizia locale delle Unioni di Comuni, nonché dei corpi e servizi di polizia locale di province e città metropolitana;
Con la sezione B sono previsti finanziamenti per progetti sperimentali e di innovazione volti al miglioramento delle attività dei corpi e servizi polizia locale degli Enti Locali.
Tutti i progetti, per i quali si chiede il finanziamento, dovranno contenere a pena di esclusione: una descrizione del progetto che si vuole attuare indicando:

  • le motivazioni ed obiettivi specifici del progetto e le modalità di realizzazione;
  • l’articolazione organizzativa del progetto (tempi, fasi e azioni progettuali);
  • i soggetti, pubblici e/o privati, eventualmente coinvolti nel progetto;
  • l’elencazione delle singole voci di spesa con indicazione dei relativi costi;
  • l’individuazione del responsabile di progetto che dovrà controfirmare il progetto stesso.

Le domande dovranno essere presentate obbligatoriamente tramite invio per posta elettronica certificata (PEC) a capodigabinetto@postacert.regione.emilia-romagna.it, entro il 29/05/2020.

Sono ammissibili a contributo i progetti che prevedano attività avviate dopo il 31 gennaio 2020, data di approvazione del DPCM di adozione dello stato di emergenza inerente il Covid-19. I progetti dovranno terminare improrogabilmente entro il 31 dicembre 2020.      il 31 marzo 2021 gli Enti Locali dovranno obbligatoriamente presentare la rendicontazione finale.

 

Autore: La redazione PERK SOLUTION

Equo indennizzo e del rimborso delle spese di degenza per causa di servizio, presentazione delle domande entro il 31 marzo 2020

La Direzione centrale della Finanza locale del Ministero dell’Interno, con la Circolare FL n. 6/2020 ha stabilito criteri, tempi e modalità di rimborso delle spese sostenute dai Comuni per la corresponsione al personale della polizia locale dell’equo indennizzo e del rimborso delle spese di degenza per causa di servizio. Le istruzioni operative della Circolare si riferiscono agli eventi verificatisi esclusivamente dal 22 aprile 2017. Le richieste da parte dei comuni, modello “A” allegato al decreto interministeriale del 4 settembre 2017, devono essere inviate con modalità esclusivamente telematica, tramite il Sistema certificazioni enti locali (Area Certificati TBEL, altri certificati), accessibile dal sito internet della Direzione Centrale, alla pagina Finanza Locale entro le ore 24,00 del 31 marzo 2020, a pena di decadenza, con riferimento alle spese sostenute nell’anno precedente. E’ comunque data facoltà ai comuni che avessero necessità di rettificare il dato già trasmesso, di formulare, sempre telematicamente entro e non oltre il termine del 31 marzo 2020, una nuova richiesta che annulla e sostituisce la precedente. In tale circostanza l’ente dovrà accedere sempre alla pagina web Finanza Locale alla sezione “Richiesta di dati agli Enti” – funzione “Richieste aperte”. I soggetti chiamati ad apporre la propria firma digitale in calce alla certificazione (Segretario e Responsabile del servizio finanziario) assumono diretta e personale responsabilità circa la veridicità e l’esattezza dei dati ivi riportati.