Enti in dissesto, rientra nella competenza dell’OSL la restituzione del FAL

La Direzione Centrale della Finanza Locale del Ministero dell’Interno, in risposta ad un quesito posto da un Comune di dissesto finanziario, in merito alla corretta rappresentazione contabile della quota di accantonamento del Fondo anticipazione di liquidità, DL n. 35/2013, acquisita in periodo antecedente al dissesto, ha evidenziato che i pagamenti per parte capitale e interessi in favore della Cassa depositi e prestiti successivi alla dichiarazione del dissesto potranno essere inseriti nella massa passiva come debito del Comune, così come gli importi da pagare nelle annualità successive potranno costituire debiti verso la Cassa, con gestione di diretta competenza dell’Organo straordinario di liquidazione (OSL).

La Finanza Locale ha ricordato che l’art. 255, comma 10 del TUEL prevede fattispecie derogatorie, rispetto al criterio generale dell’articolo 252, comma 4, in materia di riparto di competenza fra OSL e Comune, che non possono essere interpretate estensivamente. Nel merito, con sentenza n. 15 del 5/08/2020, il Consiglio di Stato ha chiarito che rientrano nella competenza dell’OSL, non solo le poste passive pecuniarie già contabilizzate alla data della dichiarazione del dissesto ma anche le obbligazioni che, pur sorte in seguito, costituiscono comunque diretta ed immediata conseguenza di atti e fatti gestionali pregressi alla medesima dichiarazione.

Anche la Corte dei conti, Sezione Autonomie, con la deliberazione n. 21/2020, ha precisato che rientrano nella competenza dell’OSL i debiti correlati a prestazioni contrattualizzate entro il 31 dicembre dell’esercizio precedente a quello di riferimento dell’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato quando gli effetti economici connessi all’esecuzione si siano realizzate entro il predetto termine.

Pertanto, per i comuni in dissesto finanziario non vi è l’obbligo di prevedere l’accantonamento del FAL nel rendiconto di gestione, in deroga a quanto previsto dall’articolo 39-ter del DL 162/2019.

 

Autore: La redazione PERK SOLUTION

 

Insediato il tavolo tecnico-politico per approfondimento tematiche in materia di finanza locale

Ha avuto luogo, in data 15 luglio scorso, la riunione di insediamento del Tavolo tecnico-politico, costituito presso la Conferenza Stato-città ed autonomie locali, chiesto dalla Associazione Nazionale Comuni d’Italia (ANCI) e dall’Unione Province d’Italia (UPI) per l’approfondimento delle seguenti tematiche:
– Ipotesi di riforma della disciplina del Fondo crediti di dubbia esigibilità;
– Ipotesi di adozione di una norma generale e straordinaria di partecipazione al finanziamento delle passività complessive residue senza – – limiti di popolazione e riguardante tutti gli enti in piano di riequilibrio;
– Ipotesi di riforma della disciplina delle crisi finanziarie;
– Ipotesi di revisione della disciplina restrittiva circa l’utilizzo degli avanzi vincolati per gli enti in complessivo disavanzo e per spese correnti vincolate.
Ha aperto i lavori il Presidente del Tavolo, il Sottosegretario di Stato al Ministero dell’interno – On. Ivan Scalfarotto. Il Capo Dipartimento per gli Affari interni e territoriali Prefetto Claudio Sgaraglia ha illustrato le cennate questioni, oggetto dei lavori del Tavolo. Sono, poi, intervenuti il Ragioniere generale dello Stato, Dr. Biagio Mazzotta, il delegato ANCI Dr. Giuseppe Falcomatà, Sindaco di Reggio Calabria, il Segretario Genarale ANCI Dr.ssa Veronica Nicotra, il Direttore Generale UPI, Piero Antonelli ed il Responsabile finanza UPI Pierluigi Peracchini, Presidente della Provincia di La Spezia. Al termine dei cennati interventi, il Presidente del Tavolo On. Ivan Scalfarotto, in relazione alle tematiche prospettate, ha messo in evidenza la necessità che il Tavolo sia immediatamente operativo e propositivo, al fine di individuare quanto prima soluzioni condivise alle problematiche prospettate, che sono di particolare rilevanza per il buon funzionamento delle autonomie locali.

Enti in dissesto, riparto contributo di 5 milioni di euro per interventi di manutenzione straordinaria

La Finanza Locale, con comunicato del 13 luglio 2021, informa che è stato firmato il 5 luglio 2021, ed è in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, il Decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, concernente il «Riparto del contributo di 5 milioni di euro, per l’anno 2021, in favore dei comuni in dissesto finanziario, a valere sul fondo di cui all’articolo 106-bis del decreto legge n.34 del 2020, rifinanziato, per l’anno 2021, dall’art. 1, comma 844, della legge n.178 del 2020, per la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria di beni immobili di proprietà degli stessi comuni da assegnare alla Polizia di Stato e all’Arma dei carabinieri».

 

Autore: La redazione PERK SOLUTION

In Conferenza Stato-città il riparto dei fondi TARI, solidarietà alimentare ed enti in dissesto

È stata convocata per il giorno 10 giugno 2021  la Conferenza Stato-città ed autonomie locali per l’esame del seguente ordine del giorno.

1. Schema di decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, concernente il riparto del rifinanziamento, per 5 milioni di euro per l’anno 2021, del fondo per i comuni in stato di dissesto finanziario, di cui all’articolo 106-bis del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77. (INTERNO – ECONOMIA E FINANZE)

Intesa ai sensi dell’articolo 1, comma 846, della legge 30 dicembre 2020, n. 178.

2. Schema di decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, concernente il fondo per il potenziamento delle iniziative di sicurezza urbana da parte dei Comuni, rideterminato dall’articolo 1, comma 920 della legge 30 dicembre 2018, n. 145. Triennio 2021- 2023. (INTERNO – ECONOMIA E FINANZE)

Parere ai sensi dell’articolo 35-quater, comma 4 del decreto-legge 4 ottobre 2018, n. 113 convertito dalla legge 1° dicembre 2018, n. 132.

3. Schema di decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, recante riparto del fondo, con una dotazione di 600 milioni di euro per l’anno 2021, finalizzato alla concessione da parte dei Comuni di una riduzione della Tari o della Tari corrispettiva in favore delle categorie economiche interessate dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività. (INTERNO-ECONOMIA E FINANZE)

Intesa ai sensi dell’articolo 6, comma 2, del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73.

4. Schema di decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, recante riparto del fondo di 500 milioni di euro per l’anno 2021 finalizzato a consentire ai Comuni l’adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare, nonché di sostegno alle famiglie che versano in stato di bisogno per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche. (INTERNO-ECONOMIA E FINANZE)

Intesa ai sensi dell’articolo 53, comma 1, del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73.