ICS, 100 milioni di euro per la realizzazione di interventi su impianti sportivi e piste ciclabili

L’Istituto per il Credito Sportivo con la pubblicazione dei bandi “Sport Missione Comune 2020” e “Comuni in pista 2020” mette a disposizione degli Enti Locali e delle Regioni un primo plafond di 100 milioni di euro complessivi di mutui a tasso fisso TOTALMENTE ABBATTUTO della durata di 15 o 20 anni, da stipulare obbligatoriamente entro il 31/12/2020, per la realizzazione di interventi su impianti sportivi e sulle piste ciclabili, i ciclodromi e le loro strutture di supporto (https://www.creditosportivo.it/i-nostri-bandi/).

SPORT MISSIONE COMUNE 2020
Il bando “Sport Missione Comune 2020” mette a disposizione un plafond di 80 milioni di euro che sarà successivamente incrementato in relazione ai contributi già stanziati per un importo di € 25.701.430,92, destinati al totale abbattimento degli interessi.
I progetti definitivi o esecutivi per i quali è possibile richiedere l’ammissione al contributo devono essere relativi a: costruzione, ampliamento, attrezzatura, miglioramento, ristrutturazione, efficientamento energetico, completamento e messa a norma di impianti sportivi e/o strumentali all’attività sportiva, anche a servizio delle scuole, ivi compresa l’acquisizione delle aree e degli immobili destinati all’attività sportiva.
I contributi per realizzare gli interventi ammessi possono essere utilizzati sui mutui contratti dagli enti beneficiari per:
– la realizzazione diretta delle opere:
– il cofinanziamento dei mutui di provvista BEI a totale carico dello Stato, nell’ambito del “Piano triennale di Edilizia Scolastica relativo al periodo 2018-2020”;
– cofinanziare i contributi regionali o nazionali o europei in conto capitale (Bandi regionali, Bando Sport e Periferie, contributi per investimenti di cui all’art. 1, comma 29, della L. 160/2019 “legge di bilancio 2020”, contributi ai comuni per la realizzazione di opere pubbliche per la messa in sicurezza di edifici e del territorio anno 2020 di cui al Decreto interministeriale 30/12/2019 eco.);
– erogare i contributi agli investimenti, finanziati da debito, come definiti dall’alt. 3, comma 18, lettere g) ed h), della legge 24 dicembre 2003, n. 350.
I beneficiari potranno distribuire i contributi in conto interessi ottenuti per azzerare il tasso di un mutuo a 20 anni anche su mutui di durata fino a 25 anni.
I piccoli Comuni (fino a 5.000 abitanti) potranno ottenere il totale abbattimento degli interessi, su uno o più mutui, sino all’importo massimo per singola iniziativa e complessivo di 2 milioni di euro, i Comuni medi (da 5.001 a 100.000,00 abitanti non capoluogo) le Unioni dei Comuni e i Comuni in forma associata sino all’importo massimo per singola iniziativa e complessivo di 4 milioni di euro e i Comuni capoluogo, i Comuni oltre i 100.000,00 abitanti non capoluogo, le Città Metropolitane, le Province e le Regioni sino all’importo massimo per singola iniziativa e complessivo di 6 milioni di euro.
Gli importi di mutuo eccedenti i predetti limiti saranno concessi a tassi agevolati da un contributo in conto interessi dello 0,70%.
Le istanze potranno essere presentate all’indirizzo PEC: sportmissionecomune2020@legalmail.it a partire dalle ore 10:00 del 14/05/2020 e non oltre le ore 24:00 del 05/12/2020.
 
COMUNI IN PISTA 2020
Il bando “Comuni in pista 2020” mette a disposizione 20 milioni di euro – che saranno successivamente incrementati in relazione ai contributi, già stanziati per un importo di € 4.053.553,25, destinati al totale abbattimento degli interessi dei mutui – per investimenti sulle piste ciclabili, i ciclodromi e le loro strutture di supporto in possesso delle caratteristiche previste dal punto 5 dell’Avviso Pubblico.
I beneficiari potranno distribuire le agevolazioni ottenute anche su mutui di durata fino a 25 anni. Ciascun Ente locale ammesso potrà godere del totale abbattimento degli interessi su mutui sino all’importo massimo per singola iniziativa o complessivo di 3 milioni di euro che raddoppia a 6 milioni di euro se il beneficiario è un’Unione di Comuni o Comuni in forma associata, un Comune capoluogo, una Città metropolitana o una Provincia. Gli importi di mutuo eccedenti i predetti limiti saranno concessi a tassi agevolati da un contributo in conto interessi dello 0,70%.
Le istanze potranno essere presentate all’indirizzo PEC icspisteciclabili2020@legalmail.it dalle ore 10:00 del 14/05/2020 alle ore 24:00 del 05/12/2020.
Ciascuna istanza dovrà essere relativa a un solo progetto o lotto funzionale e sarà esaminata con procedura a sportello e ammessa a contributo fino a esaurimento delle risorse stanziate.
I progetti, definitivi o esecutivi per essere ammessi a contributo devono essere muniti di parere favorevole rilasciato dal CONI. Le istanze presentate potranno contenere la semplice richiesta del parere al CONI che però dovrà essere necessariamente acquisito e trasmesso via PEC entro le ore 24:00 del 18/12/2020 (si consiglia di attivarsi il prima possibile per il rilascio del parere all’indirizzo web http://cis.coni.it).

 

Autore: La redazione PERK SOLUTION

 

 

ICS, nuovi finanziamenti per l’impiantistica sportiva degli enti territoriali

L’Istituto di credito sportivo ha annunciato che sono ripartiti i finanziamenti a tasso zero a sostegno dell’impiantistica sportiva degli Enti Territoriali: “Sport Missione Comune” e “Comuni in Pista”, i bandi realizzati in collaborazione con l’ANCI, ai quali si aggiunge “Sport Verde Comune”, la nuova misura dedicata agli interventi di efficientamento energetico.
Attraverso misure straordinarie per le imprese sportive, l’Istituto intende fornire strumenti in grado di dare la spinta utile alla ripartenza e offrire un importante supporto finanziario a tutti i Comuni, le Città Metropolitane, le Province e le Regioni che vogliono investire nello Sport.
È possibile presentare le istanze finalizzate al miglioramento dell’impiantistica sportiva, anche scolastica, e agli investimenti sulle piste ciclabili e i ciclodromi. 200 milioni di euro a disposizione per mutui a tasso fisso fino a 20 anni, da stipulare obbligatoriamente entro il 31/12/2020. Il nuovo mutuo denominato “Sport Verde Comune” è destinato agli interventi di efficientamento energetico sugli impianti sportivi degli enti locali che prevede il totale abbattimento degli interessi fino a 20 anni di durata, per un importo unitario massimo di € 500.000,00.

 

Autore: La redazione PERK SOLUTION

Istituto credito sportivo, entro il 20 maggio la compilazione della domanda di sospensione mutui

L’Istituto del credito sportivo ha fornito le istruzioni per la sospensione per un anno delle rate dei finanziamenti in scadenza fino al 31 dicembre 2020. Entro il 20 maggio gli enti locali interessati dovranno procedere alla compilazione della domanda on-line, mentre la documentazione firmata digitalmente dovrà essere inviata entro il 26 maggio 2020, salvo il termine previsto solo per la consegna delle nuove delegazioni di pagamento che dovranno essere inviate tramite raccomandata A/R.  Per i mutui con scadenza diversa dal 30/6 e 31/12, gli enti verranno contattati direttamente dal personale dell’Istituto.
L’accordo prevede che a seguito della sospensione l’istituto estende la durata del piano originario per un periodo analogo, mantenendo le medesime condizioni economiche previste contrattualmente. Gli interessi maturati nel periodo di sospensione saranno corrisposti alle scadenze contrattualmente previste.
Sono esclusi dal beneficio gli enti locali che al momento di presentazione della domanda sono sottoposti a procedure di scioglimento conseguenti a fenomeni di infiltrazione e condizionamento di tipo mafioso, gli enti morosi e gli in dissesto privi di ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato. Per poter beneficiare della sospensione, l’Istituto indica le caratteristiche dei finanziamenti, ovvero:

  • stipulati secondo la forma tecnica del mutuo;
  • essere intestati all’ente con oneri di rimborso direttamente a proprio carico;
  • il soggetto debito e il soggetto beneficiario devono essere coincidenti;
  • non devono essere stati concessi in base a leggi speciali;
  • non devono presentare rate scadute e non pagate da oltre 90 giorni al momento della presentazione della domanda;
  • devono essere in corso di ammortamento;
  • la durata complessiva, a seguito sospensione, non deve eccedere i 30 anni.

 

Autore: La redazione PERK SOLUTION